Skip to main content
Tempo di lettura: 2 minuti

I fornitori di streaming musicale sono noti per tenere a portata di mano i dettagli sui loro modelli di royalty. L’unica eccezione degna di nota negli ultimi mesi è stata il gigante della tecnologia Apple, che ha rilasciato una dichiarazione sul suo modello di pagamento a giugno. Secondo questo documento, il suo tasso medio per riproduzione è di $ 0,01, il che significa che ogni flusso viene conteggiato come un centesimo per il pagamento per l’editore che detiene i diritti sul materiale. Anche se questo è un tasso relativamente basso nello schema più ampio delle cose, colloca ancora Apple Music in cima alla classifica dei pagamenti.

Quanto si guadagna con spotify e apple music

Come mostra la nostra classifica basata sui dati raccolti da Digital Music News, The Trichordist e Forbes, il concorrente GAFAM di Apple Amazon arriva al secondo posto con circa $ 0,005 per stream, che equivale a circa 200 riproduzioni per guadagni di $ 1 sulla piattaforma. Il leader di mercato Spotifyè al terzo posto con un tasso di riproduzione di circa $ 0,0032 e una media di 312 riproduzioni necessarie per guadagnare $ 1. Mentre questo tasso può essere visto solo leggermente al di sotto della media in confronto, il servizio di streaming musicale svedese vanta quasi il triplo di abbonati paganti rispetto a ciascuno dei suoi concorrenti diretti, mettendo in discussione l’equità del suo modello di business. Il CEO Daniel Ek ha regolarmente minimizzato tali critiche e ha citato la mancanza di impegno degli artisti come una possibile ragione per bassi pagamenti. Invece di pubblicare solo un nuovo album ogni due anni, Ek ha detto alla società di consulenza musicale Music Ally nel luglio del 2020 che “si tratta di mettere il lavoro, della narrazione intorno all’album e di mantenere un dialogo continuo con i tuoi fan” .

Questo dialogo con i fan ovviamente dipende da quei fan che vogliono supportare artisti specifici, un modello che è stato adottato dal servizio di streaming cinese Tencent Music. Sebbene i flussi stessi non contribuiscano molto al pagamento effettivo, la piattaforma di streaming ha introdotto micropagamenti come la mancia per supportare ulteriormente gli artisti. Non solo realizza la maggior parte delle sue entrate tramite una commissione su questi pagamenti una tantum, ma apre anche un’altra strada per gli artisti per guadagnare denaro sulle piattaforme di streaming. Questo modello non è così facilmente adattabile come si potrebbe pensare, con la cultura delle mance online chiamata “da shang” che è comune in Cina, ma relativamente insolita nei paesi occidentali.

Sebbene i meccanismi e i modelli di pagamento possano ancora richiedere miglioramenti, lo streaming musicale è diventato la fonte di entrate più importante nel segmento della musica registrata. Nel 2020, il 62,1 percento dei guadagni proveniva dai servizi di streaming, con record fisici e download che rappresentavano rispettivamente il 19,5 percento e il 5,8 percento.

26100
Close Menu